Vai a sottomenu e altri contenuti

Elenco Consorzi, Enti e Societá partecipate

Riferimento normativo: D.Lgs. 33/2013 - Art. 22, c. 1, lett. b, c. 2, 3.

La pagina riporta l'elenco delle Società e degli Enti costituiti dal Comune di Busachi, dei quali possiede quote di partecipazione societarie, insieme con altri enti pubblici e/o soggetti privati, per lo svolgimento delle finalità pubbliche. I dati sono pubblicati nel sito, come richiesto dalla Legge 27 dicembre 2006, nº 296 (Legge Finanziaria 2007), articolo 1, comma 735.

Per ogni società o ente sono associati uno o più documenti in formato elettronico, che possono essere visionati on line o scaricati sul proprio computer per una successiva lettura. Per consultare i documenti è sufficiente attivare il link con la tastiera o cliccare con il mouse sull'icona o sulla descrizione del documento che interessa.

Anno: 2015

Abbanoa S.p.A.

Societ&á Partecipate
Data pubblicazione: 12/11/2015
Ragione sociale: Abbanoa S.p.A.
Codice fiscale / Partita IVA: 02934390929
Indirizzo: Nuoro - Via Straullu 35
Telefono: 0784 213600
Fax: 0784 203154
E-mail: protocollo@pec.abbanoa.it
Sito web: www.abbanoa.it
Finalitá: La missione di Abbanoa ha come priorità la gestione omogenea e unitaria del servizio idrico integrato della Sardegna, così da garantire, nel pieno rispetto dell'ambiente, la fornitura dell'acqua con la stessa qualità, lo stesso livello di servizio e la stessa tariffa in tutto il territorio regionale: dal capoluogo al comune più isolato. Il tutto in un ottica di sviluppo economico e sociale dell'Isola. I valori guida dell'attività di Abbanoa sono ispirati dal concetto di risorsa idrica quale bene sociale e improntati alla sua gestione etica e rigorosa.
Durata partecipazione: Dal 28/12/2004
In atto
Quota partecipazione del Comune di Busachi: 98.728
Percentuale di partecipazione del Comune di Busachi: 0,04178513%
Composizione del CDA: Formato html Accedi al documento
Note correlate alla composizione CDA: -
Allegati: Formato zip Bilancio anno 2014 (2944 kb)
Formato pdf Bilancio anno 2013 (128 kb)

Ente di Governo dell'Ambito della Sardegna (EGAS)

Societ&á Partecipate
Data pubblicazione: 12/11/2015
Ragione sociale: Ente di Governo dell'Ambito della Sardegna (EGAS)
Codice fiscale / Partita IVA: 02865400929
Indirizzo: Via Cesare Battisti n. 14
Telefono: 070/4600620
Fax: 070/4600621
E-mail: protocollo@ato.sardegna.it
Sito web: http://www.ato.sardegna.it
Finalitá: La legge 5 gennaio 1994, n° 36, recante “Disposizioni in materia di risorse idriche” ha avviato il riordino dei servizi idrici stabilendo una netta separazione tra l'attività di indirizzo e controllo e quella più propriamente gestionale oltre che il superamento della frammentazione delle gestioni e il conseguimento di adeguate dimensioni gestionali. Più precisamente, la cosiddetta “Legge Galli” ha previsto la riorganizzazione dei servizi idrici mediante la costituzione di Ambiti Territoriali Ottimali (ATO), mirati al superamento della frammentazione gestionale esistente, attraverso l'integrazione territoriale (definizione di bacini di utenza di dimensione ottimale) e l'integrazione funzionale delle diverse attività del ciclo (servizi di acquedotto, fognatura e depurazione). Nel pieno rispetto del principio di sussidiarietà, lo Stato ha demandato alle Regioni la delimitazione degli ambiti territoriali ottimali e la disciplina delle forme e dei modi di cooperazione tra gli Enti Locali ricadenti nel medesimo ambito ottimale. Con Legge Regionale 17 ottobre 1997, n° 29, la Regione Autonoma della Sardegna ha istituito il Servizio Idrico Integrato, ha previsto che il territorio regionale sia delimitato in un unico ambito territoriale ottimale e ha stabilito che i confini territoriali di tale ambito siano quelli della Regione Sardegna. I Comuni e le Province ricompresi nel territorio dell'ambito territoriale ottimale hanno il compito di organizzare il Servizio Idrico Integrato, costituito dall'insieme dei servizi pubblici di adduzione e distribuzione di acqua ad uso esclusivamente civile, di fognatura e depurazione delle acque reflue. A tal fine, i Comuni e le Province della Sardegna costituiscono un consorzio obbligatorio dotato di personalità giuridica pubblica e di autonomia organizzativa e patrimoniale, denominato Autorità d' Ambito. Il suo ordinamento è disciplinato dallo Statuto che ne prevede gli organi (Assemblea, Comitato Esecutivo, Presidente, Collegio dei Revisori) e la struttura organizzativa, consistente in un ufficio di direzione, articolato in servizi tecnici e amministrativi. Il 25 settembre 2003 l'Autorità d'Ambito nasce formalmente con l'insediamento dell'Assemblea dei rappresentanti degli Enti Locali della Sardegna. L' Autorità d'Ambito svolge funzioni di programmazione, organizzazione e controllo sull'attività di gestione del servizio idrico integrato, con esclusione di ogni attività di gestione del servizio, con l'obiettivo fondamentale di garantire gli utenti e la collettività sulla qualità e livelli di servizio. Le competenze, fissate in Legge e nello Statuto, possono essere individuate in tre grandi categorie: •Regolazione – consiste nel disciplinare il corretto funzionamento della gestione del Servizio Idrico Integrato. •Pianificazione – consiste nell’effettuare la ricognizione di strutture e impianti e nell’adottare il programma degli interventi (Piano d'Ambito), inteso come strumento di attuazione delle scelte strategiche dell'Ambito. Il Piano d’Ambito comprende: 1.analisi dello stato attuale dei servizi e degli impianti; 2.definizione dei livelli di servizio e della evoluzione della domanda; 3.strategia e progetti futuri; 4.piano finanziario (investimento e risorse); 5.modello gestionale e organizzativo; 6.quadro tariffario; 7.verifiche periodiche. •Controllo – L'Autorità controlla il Servizio e l'attività del gestore al fine di verificare il raggiungimento degli obbiettivi e dei livelli di qualità previsti dal Piano; valuta l'andamento economico e finanziario della gestione e definisce il complesso delle attività necessarie a verificare la corretta e puntuale attuazione del Piano; assicura la corretta applicazione delle tariffe. L'attività di controllo costituisce senza dubbio l'aspetto più innovativo introdotto nel Servizio Idrico Integrato dalla legge Galli e trova giustificazione nel sistema di netta separazione tra l'attività di controllo e quella più propriamente gestionale. Detta attività di controllo è finalizzata ad assicurare ai cittadini – utenti che le risorse sono state ben investite, gli obbiettivi raggiunti, i livelli di qualità garantiti.
Durata partecipazione: Dal 31/12/2013
In atto
Quota partecipazione del Comune di Busachi:
Percentuale di partecipazione del Comune di Busachi: 0.12%
Composizione del CDA: -
Note correlate alla composizione CDA: -
Allegati: Formato zip Bilancio di previsione anno 2015 (4438 kb)

Registrazioni: 2/2

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto